Prossimi eventi

Aggiornamenti Email

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere gli aggiornamenti dei nuovi articoli pubblicati direttamente nella tua casella di posta elettronica!

Unisciti a 131 altri iscritti

“La Strada delle Camelie della Galizia” di Andrea Lezzi

Prima di addentrarci lungo la Strada delle Camelie della Galizia qualche breve cenno sulle caratteristiche, sulle specie e sulla coltivazione della Camelia.

Il Genere Camellia appartiene alla famiglia delle Theaceae ed è originario delle zone tropicali dell’est asiatico.

Il nome fu dedicato da Linneo al botanico e missionario gesuita ceco Georg Joseph Kamel, vissuto nella seconda metà del seicento, per i suoi studi sulla flora delle Filippine che firmava col nome latinizzato di Camellus.

Le prime piante arrivarono dalla Cina in Inghilterra nel 1735 mentre in Italia la prima Camelia giunse nel 1782 e fu piantata nel giardino della Reggia di Caserta da Maria-Carolina di Asburgo Lorena.

Le caratteristiche: Il portamento può essere arbustivo o ad alberello, le piante sono sempreverdi, alte fino a 15/20 metri e si adattano molto bene a climi umidi e temperati. Le temperature invernali non devono scendere troppo sotto lo zero e quelle estive non devono superare i 32° ma con un’elevata umidità ambientale e del terreno. L’apparato radicale è raccolto e addensato. Le foglie sono semplici, alterne, generalmente di colore verde scuro, lucide, coriacee, con margini lisci o crenati mentre i fiori sono semplici, semidoppi o ad anemone, a peonia, doppi o “doppi classici”

Le caratteristiche dei fiori (1)

Le caratteristiche dei fiori (1)

Le caratteristiche dei fiori (2)

Le caratteristiche dei fiori (2)

Le principali caratteristiche per identificare i fiori attraverso la loro forma

Fiori semplici: un solo rango di petali (non più di 8) disposti regolarmente o irregolarmente; stami prominenti

Fiori semidoppi: due o più ranghi di petali disposti regolarmente o irregolarmente; stami prominenti

Fiori ad anemone: uno più ranghi di ampi petali appiattiti od ondulati; al centro è presente un folto, prominente ciuffo di stami e petaloidi frammisti

Fiori a peonia: rotondeggianti, con fitti petali non regolari, frammisti al centro con petaloidi e talvolta pochi stami

Fiori doppi: a bocciolo di rosa, con petali parzialmente sovrapposti l’uno all’altro a completa apertura

Fiori doppi classici: tradizionali, con più ranghi di petali perfettamente imbricati (cioè che si coprono parzialmente a vicenda), senza stami apparenti.

Il colore dei fiori varia dal bianco al rosa, al rosso fino al fucsia; alcuni fiori possono essere screziati; sono generalmente privi di profumo, più raramente molto profumati; la fioritura avviene dall’autunno fino alla primavera inoltrata a seconda delle varietà.

La coltivazione: Gradiscono terreno acido, ricco di humus, fresco e ben drenato; non deve essere in ogni caso calcareo; l’esposizione ideale è a mezz’ombra, cioè con sole filtrato da piante ad alto fusto e mai in zone molto ventilate od in pieno sole. L’acqua piovana è ideale per le irrigazioni; se l’acqua è calcarea il terreno inizialmente acido subirà un lento ma progressivo degradamento per accumulo di sali di calcio. La potatura deve essere effettuata in maniera non drastica a causa del lento accrescimento della pianta e si concentrerà in tagli solo per correggere o migliorarne l’aspetto. La sbocciolatura viene effettuata in caso di sovrabbondanza di fiori o di boccioli addossati l’uno all’altro. La moltiplicazione avviene per semina, talea (quello maggiormente consigliabile), margotta od innesto.

I nemici della camelia: L’oziorrinco, coleottero nero lungo circa 1 cm che si nutre delle foglie deturpandole lungo i margini; gli afidi neri che infestano i giovani germogli alla fine della fioritura; le cocciniglie, sia sotto la forma di scudetti giallastri sia di ciuffetti cotonosi; la clorosi che provoca l’ingiallimento delle foglie e che è dovuta all’alcalinità del terreno o all’esistenza di ristagni di umidità; le gelate o la neve rimasta sulle foglie possono provocare bruciature sulle stesse.

Le specie principali:

Camellia sinensis, dalle cui giovani foglie in Asia si ricava il tè; può crescere fino a 2 metri ma in genere viene coltivata ad arbusto per facilitare la raccolta; i fiori sono piccoli, bianchi, con stami giallo-oro; una foglia fresca contiene circa il 4% di caffeina;

camelia sinensis

Camelia Sinensis

Camellia japonica, originaria del Giappone, forse la più coltivata nei giardini come pianta ornamentale; la sua fioritura inizia nelle varietà precoci alla fine dell’autunno per protrarsi in altre fino a primavera ed è caratterizzata da corolle a fiori doppi od a forma di rosa appiattita; la Camellia japonica è coltivata in Italia nella zona dei laghi prealpini Verbano (Villa Taranto) e Lario, nonché in Lucchesia e nella zona dei vulcani laziali (Velletri) e campani;

Camellia sasanqua, caratterizzata da portamento espanso o eretto e molto ramificato con foglie piccole; fiorisce da fine estate a fine autunno con grande abbondanza di fiori, prospera anche in posizioni molto luminose; qualche varietà è profumata mentre altre protraggono la fioritura fino a marzo;

Camellia reticulata, arbusto semirustico con foglie ovali e grossi fiori singoli primaverili.

Così come per le zone elencate in Italia così la Galizia, per il suo terreno e per il suo particolare clima mitigato dall’Atlantico, è molto favorevole alla coltivazione delle camelie. E proprio nella sua parte Ovest è presente la “Strada delle Camelie della Galizia”, un percorso che lega 12 tra giardini privati e pubblici nei quali sono presenti collezioni ed alberi secolari di questa splendida pianta.

Tra i giardini pubblici ricordiamo il parco di Alameda a Santiago di Compostela ed il giardino di Vigo.

Parco di Alameda

Parco di Alameda

Parco di Alameda

Parco di Alameda

Tra quelli privati i più importanti sono il “Pazo de Oca” pochi chilometri a Sud di Santiago de Compostela ed il “Castello di Soutomaior” posto sulle colline tra Pontevedra e Vigo.

Pazo de Oca

Pazo de Oca

Pazo de Oca

Pazo de Oca

Pazo de Oca

Pazo de Oca

Castello di Soutomaior

Castello di Soutomaior

Castello di Soutomaior

Castello di Soutomaior

Castello di Soutomaior

Castello di Soutomaior

 

Altri giardini privati sono il “Pazo di Rubians” e la “Casa Museo Rosalia da Castro”

Pazo di Rubians

Pazo di Rubians

Casa Museo Rosalia da Castro

Casa Museo Rosalia da Castro